Blefaroplastica


Dagli occhi delle donne derivo la mia dottrina: essi brillano ancora del vero fuoco di Prometeo, sono i libri, le arti, le accademie, che mostrano, contengono e nutrono il mondo.
William Shakespeare.


La blefaroplastica è una procedura chirurgica finalizzata a rimuovere la cute ed il grasso in eccesso dalle palpebre superiori ed inferiori.
E' volta a correggere le palpebre cadenti che donano un aspetto di stanco e di invecchiamento precoce e che possono anche talvolta interferire con una corretta visione.

L'intervento chirurgico
L'intervento di blefaroplastica richiede da una a tre ore in relazione al numero di palpebre da operare (soltanto le superiori o anche le inferiori).
Le incisioni si eseguono lungo le pieghe naturali delle palpebre e si estendono fino alle "zampe di gallina" subito al di fuori dell'angolo esterno dell'occhio. Viene rimosso quindi il grasso in eccesso, responsabile delle "borse" palpebrale e la cute se necessario. Alle volte è necessario rifilare anche il muscolo orbicolare. Le incisioni vengono poi suturate con fili molto sottili.
Nel caso in cui nelle palpebre inferiori esistessero borse palpebrali ma non cute in eccesso si può effettuare un approccio trans-congiuntivale e non cutaneo.

L'Anestesia
La blefaroplastica viene generalmente eseguita in Anestesia Locale, eventualmente accompagnata da una leggera sedazione.

Il post-operatorio
E' possibile che si formino edemi ed alcune ecchimosi che sono frutto di una reazione assolutamente individuale. Per minimizzarli si applicano nelle prime ore delle compresse gelate e si consiglia di tenere la testa sollevata per i primi 2 giorni.
Il dolore normalmente è lieve e viene alleviato da farmaci analgesici.
E' possibile che aumenti leggermente la lacrimazione per alcuni giorni e che possa dar fastidio la luce.
I punti di sutura vengono solitamente rimossi da 3 a 7 giorni dopo l'intervento.

Ripresa dell'attività
Normalmente si è in grado di riprendere le normali attività e di tornare al lavoro dopo circa una settimana magari coprendo con un correttore e del make-up i segni delle ecchimosi eventualmente ancora presenti.
E' buona norma evitare per 7 giorni qualsiasi sforzo o attività sportiva per evitare innalzamenti pressori nonché l'assunzione di alcolici che possono determinare ritenzione di liquidi.

Il nuovo aspetto
La guarigione è un processo che avviene in modo definitivo in alcuni mesi.
Dopo un paio di settimane i risultati sono già ampiamente visibili, gli edemi e si sono risolti e ma la cicatrice per diventare una linea bianca, quasi invisibile, impiega non meno di 6 mesi. I risultati di ringiovanimento e freschezza dureranno però anni e per molti pazienti questo può essere un intervento definitivo.